Perturbazioni affettano 1/3 dei portoghesi

Internazionali, Notizie |
depremir

Vuoto, paura, ansietà, nervosismo, mancanza di equilibrio, incostanza, disperazione, tristezza continua, indifferenza, fatica, sensazione di debolezza…le perturbazione interiori sta affettando ogni volta di più la qualità di vita dei cittadini.

Più o meno facili di avere il controllo… la realtà è che tutte le persone hanno dei problemi, ciò che difere d’individuo a individuo è la sua capacità di superare loro oppure di avere il controllo su gli stessi. Le emozione di tristezza, angoscia, ansietà, rivolta o disperazioni, fanno male al nostro interiore e ci deprimono.

Molte volte, queste emozione sono molto forti e, per questo, non riusciamo a liberarci emocionalmente da loro. Viviamo, così, per molto tempo con questo peso, con queste sensazione e sentimenti, giorno dopo giorno, accumulando emozione negative, culminando la volontà di finire con tutto.

Casi di suicidi. Nello stesso giorno che il suo grande amico, Chris Cornell, che si è suicidato due mesi prima di compiere 53 anni, Chester Bennington, vocalista dei Linkin Park, ha finito con la sua vita, dello stesso modo che il suo amico ha fatto. Le motivazione di entrambe? Depressione, un passato di traumi… tutto questo perturbazioni nel più profondo del suo interiore, che si traducono nel desidero di desistere della vita.

Quando atinge questo punto di disperazione, nulla sembra fare la persona tornare indietro, questa pensa non in chi rimane a soffrire con il suo ato, poichè, ciò che veramente importa per questa persona è mettere un fine alla sua sofferenza ed è ciò che credono di stare facendo con il suo suicidio.

Perturbazione più frequenti. Sindrome del panico, agorafobia, crisi di ansietà o depressione… queste sono le perturbazione più frequenti risultanti di esperienze come traumi, violenza infantile, bullying, divorzi, perde, maltrattamenti, fisici o psicologici. Questi possono essere vissuti con una intensità tale che diventa praticamente impossibile da superare il dolore che queste portano. 

Queste emozione che non superiamo, come la paura, angoscia, tristezza, con il passare del tempio distruggono la qualità di vita della persona, limitando-a nella libertà di essere felice. Ma, non pensare che le persone che non riescono a superare le difficoltà del passato sono le più debole, e si coloro che sentiranno il dolore o la paura di queste esperienze, ma non riescono a superare.

Sintomi delle perturbazione più frequenti: 

Contrazione/tensione muscolare, rigide

Palpitazione (ill cuore inizia a battere forte)

Vertigini, stordimento, nausea

Difficoltà per respirare (bocca seca)

Brividi o vampate di calore, sudorazione

Sensazione di “stare a sognare”, o percezione della distorsione della realtà

Terrore- sensazione che qualcosa inimaginavelmente orribile sta per succedere e che non ci troviamo in condizioni per evitare tale evento

Confusione, pensamento veloce

Paura di perdere il controllo, fare qualcosa imbarazzante

Paura alternata con la volontà di morire

Vertigini o sensazioni di debolezze

Fonte: Folha de Portugal