La storia di un ex papa gesuita che ha distrutto chiese protestanti

Internazionali, Notizie |

La verità può liberare la vita di qualsiasi persona. Dal momento in cui vengono scoperte le trappole, l’inganno e le bugie cadono per terra. E’ stato il caso del ex gesuita Alberto Rivera. La sua storia di vita e le verità che lui ha scoperto nel corso degli anni (ciò che lo fece svegliare) vengono raccontate nelle riviste di Alberto.

La lettura della rivista è raccomandata dal Vescovo Edir Macedo nel suo profilo su Instagram: “Mi avvicino soltanto di ciò che edifica la mia fede, per questo, il mio consiglio di lettura sono le riviste di Alberto Rivera, che raccontano la storia veridica di un ex prete gesuita.”

Nella rivista Alberto parte 1, il  lettore conoscerà l’infanzia e la conversione di qualcuno che, anche contro la sua propria volontà, all’età di 7 anni, è stato lasciato dalla madre in un seminario. Teresa Rivera, una cattolica devota e frequente nelle misse, desiderava vedere il figlio studiare per diventare un prete.

Dopo due anni nel seminario, lui ha ricevuto la notizia che sua madre stava quasi morrendo e che desiderava vederlo. Nel vederla, il giovane Alberto percepisce che sua madre si trovava spiritualmente tormentata. Prima della sua morte, Tereza gridava dicendo che c’erano dei mostri che la volevano lanciarla al fuoco.

Ne il giovane, ne il padre Abrahamo, che lo ha accompagnato, hanno potuto evitare la morte di Tereza. Dopo questo fatto, Alberto si è rivoltato contro quella fede, che non lo poteva aiutarlo. Ma, in memoria di sua madre, è tornato alla scuola di sacerdoti.

Preparato per la distruzione

Con il passare degli anni, Alberto è stato preparato dalla istituzione per infiltrarsi in ministeri protestanti. Questi erano i suoi peggiori nemici.

Il suo obiettivo era fortificare il dominio della chiesa cattolica in diversi paesi. La sua missione era provocare discordia e scandalo tra i fedeli, distruggendo la reputazione dei pastori con bugie e artifici. Le reviste mostrano che Alberto ha distrutto, soltanto in Spagna, diciannove chiese.

Tante cose impattanti, negli anni, hanno fatto Alberto aprire gli occhi. In uno dei commenti, lui racconta che, quando è arrivato al sacerdozio, ha creduto che aveva trovato la verità e che avrebbe avuto pace nel suo cuore, come aveva promesso alla sua madre. Ma, al contrario, si sentiva pessimo. Nella misura in cui avanzava l’ordine gesuita, lui viveva la corruzione dentro dell’istituzione.

La conversione

Tramite la lettura della Bibbia, il conoscimento della verità ha liberato Alberto. Lui ha iniziato a credere nel Signore Gesù e nella sua resurrezione. “L’Amore di Dio mi ha riempito di forza quando ho scoperto che Gesù Cristo è il Signore, il creatore dell’Universo e il Dio Onnipotente.”

Dopo la sua conversione, Alberto si è dedicato a testimoniare su tutto ciò che aveva scoperto. Ha iniziato a pregare per le persone che erano prese dalla religiosità, così come è stato per molti anni. Ha fatto questo fino alla sua morte, nel 1997.

Rivera desiderava che trovassero la pace tramite la fede in Gesù e il più importante: La Salvezza. In questa missione ha passato per tanti persecuzione e rappresaglie, dettagliate nelle reviste. In tutto, sono sei esemplari, oltre ad una edizione speciale.

Alberto Rivela è una revista consigliata agli adulti e adolescenti. le riviste portano verità sorprendenti su un sistema prigioniere e aprono la visione del lettore ai pericoli della religiosità.

 

Fonte: Universal.org