“Il mio desiderio è di strappare la Bibbia”, dice il direttore della “La Bella e la Bestia”

belafera
Dopo la controversia che ha coinvolto una scena di omosessualità nel film “La Bella e la Bestia”, sono giunte molte critiche al lungometraggio della Disney, soprattutto considerando che è rivolto ad un pubblico infantile.

Il direttore Bill Condon, che ha affermato in un intervista di esser stata una sua iniziativa il cambiamento dal copione originale, è apertamente gay. Una sua vecchia intervista è tornata a far notizia dopo le dichiarazioni pubblicamente anticristiane.

Concessa nel 2012 alla rivista Passport, rivolta ad un pubblico gay, dove gli viene domandato qual è la prima cosa che fa quando entra in un hotel dopo un giorno di lavoro. La risposta di Bill è stata: “Il mio desiderio è dire che sono come Ian Mckellen e iniziare immediatamente a strappare le pagine della Bibbia. Ma a quanto sembra, al giorno d’oggi, la maggior parte degli hotel non hanno più Bibbie nelle camere”.

Nonostante il film da lui diretto, stia avendo successo ai botteghini, ci sono diverse campagne di boicottaggio intraprese dai leader cristiani e organizzazioni conservatrici. In realtà, esistono due momenti nell’opera dove si insinua una relazione omossessuale tra il cattivo Gaston (Luke Evans) e il suo assistente Lafou (Josh Gad).

Questi non fanno parte della storia su cui il film è tratto e non erano presenti nella versione animata, pubblicato nel 1993. In diverse occasioni, Condon ha detto che “era una cosa buona avere un momento esclusivamente gay in un film della Disney”.

Fonte: GospelPrime.com e Life Site News