Giustizia o (In)Giustizia?

In_Justica-768x405 copiaMolti l’accettano come se fosse qualcosa perfettamente naturale, che fa parte della vita, perché come abbiamo allo stesso modo le allegrie, esistono anche le tristezze … per questo, se esiste giustizia è normale che subiamo le ingiustizie, non è vero?

– Tu ha avuto, hai, e sempre avrai un carattere fedele, come fidanzata, moglie, professionista … ma, ciò che ricevi in cambio è tradimento, menzogne, inganno, disprezzo e mancanza di riconoscimento …
– Tu sei sempre stato un buon padre, educatore … ma tuo figlio ha scelto di sprofondare nelle droghe, abbandonando tutta la saggezza che gli hai passato …
– Tu hai studiato, ti sei laureato, ma la tua laurea non ti è mai servita a nulla, poiché sei uscito direttamente dall’università alla disoccupazione …
– Tu hai lavorato per anni, tutta una vita, facendo i conti dovuti in modo che, durante la tua vecchiaia, tu possa ricevere una pensione che non ti permette neanche di coprire le spese principali e, per questo motivo, necessiti di continuare a lavorare …

Tutti gli esempi riportati sopra, rivelano casi quotidiani di ingiustizia … quindi, che cos’è di fatto l’ingiustizia? È tutto ciò che è dannoso, male, negativo … e che, direttamente o indirettamente, ci pregiudica e ci fa, ogni giorno che passa, perdere la voglia di vivere e volendo soltanto rinunciare a tutto!

La depressione, la tristezza, la miseria … in verità, tutto ciò che è male e negativo, è ingiusto e tutto ciò che è buono e positivo, è giusto, come la salute, la stabilità finanziaria, il perdono, l’amore, l’allegria …!

Ma come raggiungere la GIUSTIZIA PERFETTA? È possibile ottenerla ricorrendo ai tribunali? Alle istituzioni governative? Nella maggior parte dei casi non è questo ciò che avviene … in primo luogo, tu dovrai affermare, ad alta voce, la seguente frase: “IO NON ACCETTO L’INGIUSTIZIA NELLA MIA VITA!”, e allo stesso tempo, starai rigettando la malattia, la depressione, la miseria, l’angoscia, il desiderio di suicidio, la paura, i traumi, l’adulterio … ossia, tu non accetti l’ingiustizia, perché assumi l’alternativa: una vita Giusta e felice!

Questo assumere ci da forza, autonomia e valore per lottare contro tutte e qualunque ingiustizie! Vieni a bloccare questa lotta, partecipando ad un evento che trasformerà la tua vita!

E per te che:

Non sai identificare se sei l’obiettivo di qualche ingiustizia;
Hai già accettato l’ingiustizia come parte della tua vita;
Credi che le ingiustizie aiutano a costruire un carattere forte;

Identifica i segni principali che rivelano che tu stai, realmente subendo un’ingiustizia:

  • Fai tutto correttamente, ma, anche così, tutto ti va male;
  • Vedi persone cattive o valori contrari essere, apparentemente, beneficiati,
    mentre tu sei sistematicamente pregiudicato;
  • Tu fai tutto il lavoro e gli altri ricevono i meriti;
  • Sei sempre stato un dipendente esemplare ( che si sforza, puntuale,
    assiduo), ma non ha mai ricevuto il riconoscimento delle figure dirigenziali;
  • Hai sempre avuto un’alimentazione curata, hai fatto esercizio fisico, non hai mai fumato, hai sempre fatto gli esami di routine e adesso ti è stato diagnosticato una grave malattia;
  • Hai sempre pensato al futuro, hai creato i tuoi risparmi senza mai spendere cifre esorbitanti e futili e adesso vedi la crisi o il fallimento del tuo istituto bancario portarti via tutto quello che avevi messo da parte, tutto il tuo denaro…;
  • Hai investito in una relazione amorosa, ti sei fidanzato, ti sei sposato, hai sempre amato e sei sempre stato fedele alla persona che hai scelto per condividere la vita, soltanto per scoprire che questa persona non solo ti tradiva, come ha mantenuto una doppia vita, piena di menzogne e falsità;
  • Hai lavorato faticosamente per costruire la tua famiglia, ma il tuo quotidiano è guidato dai litigi e dalla mancanza di rispetto. In casa tua, non esiste qualsiasi tipo di considerazione tra genitori e figli;
  • Tu conosci la Verità, conosci la strada per una vita realizzata e felice, ma continui oppresso, angosciato e depresso …

Analizza il tuo caso … Riconosci l’ingiustizia … Rifiuta tutte e qualunque situazione di questo genere … Vieni a reclamare i tuoi diritti!

Pina Iavazzifotografia 2

“Avevo solo 14 anni quando ho iniziato a soffrire d’ansia, depressione, attacchi di panico e incubi. La paura prendeva il sopravvento su di me, tanto da svenire, e finire in ospedale. Mi somministravano dei farmaci che mi aiutavano al momento, ma passato l’effetto mi facevano stare peggio. A 24 anni mi sono sposata, con un uomo meraviglioso e ho avuto 2 splendidi figli. Ma una voce mi tormentava, mi continuava a dire che sarei impazzita, e mi obbligava a pensare al suicidio. Ero intrattabile e aggressiva. Avevo una splendida famiglia, ma ero vittima di una grande ingiustizia, tutto quello che facevo per venire fuori dal problema era invano, perché al contrario, stavo distruggendo tutto.

Oggi sono libera da tutte le ingiustizie che stavano distruggendo la mia vita e la mia famiglia, oggi sono veramente felice!”

Domenica, 13 marzo, alle h 9.30

Comunità Cristiana dello Spirito Santo
Viale Monza, 101 – Milano –

E in tutte le nostre sedi presenti nel paese

Vieni a porre fine a tutte le ingiustizie di cui sei stata(o) il bersaglio!